Home » Pilates, molto più di un allenamento

Pilates, molto più di un allenamento

by Francesca Marangoni
183 views

Se volete fare un regalo al vostro corpo, iscrivetevi ad un corso di pilates. La disciplina più amata da star di Hollywood come Dakota Johnson, Selena Gomez e Kate Hudson, non è solo un allenamento che corregge la postura, previene infortuni alla schiena e migliora la silhouette (come se già non fosse abbastanza!), ma aiuta anche a “modellare” la mente ed eliminare ansia e stress. Il metodo Pilates vede le proprie origini nella Germania della Prima Guerra Mondiale, dove il ginnasta Joseph Pilates prestava soccorso come infermiere in un ospedale nel quale erano presenti pazienti incapaci di camminare. Pilates pensa quindi ad esercizi che consentano loro una riabilitazione efficace senza doversi alzare dal letto; questo metodo, detto Contrology, verrà poi battezzato “metodo Pilates”dopo la morte del suo inventore, e con gli anni ed i numerosi sviluppi in campo biomeccanico diventerà una delle discipline più praticate a livello mondiale.
Se quasi 12 milioni di persone hanno scelto il pilates come metodo di allenamento, un motivo ci sarà. Il segreto del suo straordinario successo sta nella capacità di permettere a chi lo esegue di prendere coscienza del proprio corpo e di rinforzarlo, controllando e correggendo la postura e migliorando l’elasticità. A tutto ciò si associa quindi l’allungamento della muscolatura ed una maggiore tonicità. Nel pilates è fondamentale il concetto di powerhouse, ossia il centro da cuipilates si sprigiona la forza: con powehouse si intendono i muscoli che vanno dal limite inferiore delle costole fino ai fianchi (dorsali, lombari, addominali, glutei, ecc.); sono loro che favoriscono una corretta postura e prevengono o alleviano i dolori alla schiena. Un secondo concetto cardine del pilates, strettamente correlato alla powerhouse, è il baricentro, che se forte rappresenta una solida base per ogni movimento. Curiose di provarlo? Ecco quello che c’è da sapere: una lezione di pilates ha una durata variabile tra i 45 ed i 90 minuti. Dopo una prima fase di riscaldamento, costituita da una serie di esercizi di allungamento per muscoli ed articolazioni, si passa alla parte chiave, ossia l’esecuzione di esercizi che coinvolgono postura, resistenza, equilibrio e concentrazioni. Questi possono essere eseguiti a corpo libero su un tappetino (si parla quindi di matwork), con l’eventuale ausilio di piccoli attrezzi quali il ring, la palla o gli elastici, oppure con l’aiuto di macchinari specifici quali lo Universal reformere la Rehabilitation table. Ogni esercizio viene ripetuto con calma, per poche serie e deve essere eseguito con la massima concentrazione e precisione, prestando inoltre attenzione a respirare nella maniera corretta come da indicazioni dell’insegnante. Infatti, la respirazione nel pilates è fondamentale per eseguire correttamente l’esercizio: si inspira nella parte iniziale dell’esercizio, e si espira nel momento di maggiore sforzo. Sono coinvolti il diaframma in primis, ma anche i muscoli addominali che ne devono supportare il lavoro. Si assume così consapevolezza del ruolo della respirazione nella cassa toracica, e si effettua un auto-massaggio degli organi interni. Respirare nel modo corretto, inoltre, migliora la circolazione sanguigna, favorendo una maggiore ossigenazione del corpo e velocizzando il processo di disintossicazione dalle tossine. Niente male, vero? La seduta di allenamento si conclude poi con brevi esercizi di allungamento e rilassamento di muscoli ed articolazioni. Durante una lezione di pilates si bruciano dalle 200 alle 400 calorie, a seconda dell’intensità dell’allenamento – sicuramente meno di una normale attività aerobica, ma con maggiori risultati sul tono muscolare. I benefici del pilates non si limitano alla seduta, ma proseguono anche fuori dalla palestra. Dopo poche lezioni, infatti, a livello mentale abbiamo notato un miglioramento delle performance lavorative grazie all’applicazione della stessa concentrazione usata durante l’allenamento, mentre da un punto di vista fisico abbiamo evidenziato l’assunzione, in maniera del tutto spontanea, di una postura più corretta, una respirazione più precisa e un corpo modellato in maniera armoniosa. Non vi resta che provarlo!

You may also like

Leave a Comment