Home » Un grammo di felicità al giorno: una sfida ogni mattina per tornare a vivere

Un grammo di felicità al giorno: una sfida ogni mattina per tornare a vivere

by Federica Livio
140 views

È mattina e Fie non vede l’ora di ricevere il suo messaggio quotidiano. Poche righe che contengono un compito da svolgere per tornare gradualmente a vivere davvero e uscire dal torpore che rende le giornate tutte uguali. Un grammo di felicità al giorno, romanzo scritto dall’autrice norvegese Siri Østli ed edito in Italia da Garzanti nel 2022, è un inno al potere della vita di sorprenderci sempre e alla capacità di ricominciare.

Un grammo di felicità al giorno

Romanzo particolarmente indicato nel periodo natalizio, Un grammo di felicità al giorno racconta la storia di una donna che, dopo essere stata lasciata dal marito e allontanata dal figlio, si lascia andare ad un grigio torpore che annebbia tutta la sua esistenza. A salvarla è la sorella maggiore, Sara, che, pur vivendo lontana, comprende che Fie non è in grado di rialzarsi da sola e che ha bisogno di qualcuno che la sproni. Coglie quindi il suggerimento dato dal periodo che precede il Natale per proporre un Calendario dell’Avvento alla sorella, fatto di piccole indicazioni contenute in un unico breve messaggio mattutino.

Un grammo di felicità al giorno

Ed è proprio in questo modo che Fie, affidandosi e seguendo alla lettera le parole dei messaggi della sorella, esce piano piano dal suo guscio e vede la sua vita cambiare. Si mette in gioco, prepara dolci, arreda la sua nuova casa, trova un lavoro e adotta un cane. Ma, soprattutto, apre il suo cuore alla possibilità di una rinascita, di un cambiamento che parte dall’interno e si riflette all’esterno, portandola a brillare di nuovo, o forse davvero per la prima volta.

Un grammo di felicità al giorno

Voglio parlare di questo romanzo adesso, nonostante sia una lettura perfetta per i giorni che precedono il Natale, con la sua atmosfera un po’ magica ma altrettanto dura per chi non ha la possibilità di trascorrerlo come vorrebbe. Ne parlo ora proprio perché il Calendario dell’Avvento è un po’ una metafora della vita: siamo sempre, tutti, in attesa di qualcosa e per farlo, dobbiamo partire da piccoli passi quotidiani. Che ciò avvenga nei primi giorni di dicembre o in un anonimo giorno di febbraio poco cambia: a noi tutti serve un motivo per alzarsi dal letto la mattina. Basta “un grammo di felicità” al giorno”, poche parole, un piccolo incoraggiamento; serve dare ad ogni giorno la possibilità di trasformare la nostra vita in qualcosa di migliore.

Image Source: Garzanti – Pixbay

You may also like

Leave a Comment