Home » La tua bellezza: la paura dell’altro

La tua bellezza: la paura dell’altro

by Diletta Cecchin
20 views

Vi siete mai soffermati a pensare alla bellezza di un mondo cosmopolita? Poter viaggiare con facilità, vivere a contatto conla tua bellezza culture diverse, arricchire le proprie conoscenze e tradizioni. Solo pochi decenni fa non era così scontato avere come compagno di classe un bambino figlio di genitori stranieri, ascoltare miscugli di lingue, colori, odori. Purtroppo, però, quello che non conosciamo a volte ci fa paura. Timori e incertezze spesso alimentati da becere campagne politiche, fino ad arrivare a terribili conseguenze. Tutto ciò è raccontato in La tua bellezza, primo romanzo di Sahar Mustafah, pubblicato in Italia da Marcos y Marcos. Con La tua bellezza voliamo a Chicago, la più grande metropoli dell’entroterra statunitense. La protagonista è Afaf, preside di un liceo femminile islamico. La scuola, fin dalla sua fondazione, è stata oggetto di polemiche e atti di vandalismo, tanto che Afaf ha ritenuto necessario dotarsi di una guardia di sicurezza. Il racconto inizia un giorno come tanti. Le ragazze a lezione, i corridoi tranquilli, Afaf che si ritira in uno stanzino per pregare. E poi improvvisamente l’inferno. Colpi di arma da fuoco, urla, rumori di sedie e banchi ribaltati. Un uomo, americano, bianco, è riuscito ad introdursi nella scuola con un’arma da fuoco e sta commettendo una strage. Il presente è sospeso nel dolore e nella paura, così la narrazione fa un repentino salto all’indietro. Conosciamo Afaf bambina, figlia di palestinesi emigrati a Chicago, secondogenita di tre figli. Un’infanzia ai margini, la sorella più grande fuggita di casa, i genitori che vogliono integrarsi, che faticano ad imparare una nuova lingua. Ma lei è nata negli Stati Unitila tua bellezza, è americana, non è mai stata in Palestina. Eppure, nonostante gli sforzi, nonostante si vesta e si comporti come tutte le ragazze americane della sua età, viene sempre vista come la straniera. Durante l’adolescenza Afaf si trova sul bordo del precipizio, non trova comprensione nella famiglia, i coetanei la escludono. Fino a quando incontra le religione. Afaf si approccia all’Islam spontaneamente, impara le preghiere in arabo, decide di indossare il velo. E così si sente a casa, ma deve essere pronta ad affrontare il disprezzo del mondo che la circonda. La tua bellezza è un romanzo che ci mostra l’altro lato della medaglia. L’autrice, Sahar Mustafah, è figlia di palestinesi emigrati negli Stati Uniti, quindi nel romanzo possiamo ritrovare stralci della sua storia e di tanti uomini e donne figli di emigrati. Con naturalezza, ci racconta l’evoluzione di Afaf, la sua scelta di diventare una musulmana praticamente. Una donna ferita, intelligente, forte, realizzata, che indossa il velo per sua spontanea volontà. Un romanzo che ci racconta l’importanza di guardare oltre le apparenze.

You may also like

Leave a Comment