Home » Gloria Giacosa, l’influencer dal cuore d’oro

Gloria Giacosa, l’influencer dal cuore d’oro

by Opinion Leader
134 views

Un libro scritto “a fin di bene”, una raccolta di screenshot e messaggi vari che improvvisamente si è trasformata in uno strumento per raccogliere fondi da devolvere alla Protezione Civile e contribuire alla gestione dell’emergenza sanitaria in corso. Gloria Giacosa è l’altra faccia delle influencer. L’apparenza c’è, ma pure la sostanza. Così, nel corso del 2020, quando il lockdown ha chiuso le famiglie in casa e gettato nella disperazione migliaia di persone, ha deciso di far qualcosa per gli italiani. Improvvisamente, il “patrimonio” di 230mila followers si è trasformato in una risorsa. Detto, fatto. Dagli archivi sono saltati fuori messaggi, fotografie e contenuti vari che i suoi followers nel corso degli anni le hanno spedito, in forma pubblica o privata. Un collage da cui è nato un libro dal titolo Escile, stupidario maschile al tempo delle chat, messo in vendita nel periodo estivo, i cui ricavati sono stati interamente devoluti alla Protezione Civile.

  • Perché questo gesto?

Perché mi sono sentita in dovere di farlo, e perché non mi è costato fatica. Al contrario, nel corso degli anni ho spesso postato, in forma anonima, screenshot di persone che mi scrivevano sui canali social destando l’ilarità di chi mi segue. Da qui è nata la volontà di raccoglierli tutti insieme realizzando un volume in edizione limitata. Durante il primo lockdown ho avuto il tempo di realizzarlo e ho deciso di devolvere il ricavato alla Protezione Civile. Un gesto che supera lo stereotipo dell’influencer, in apparenza più attenta al mondo commerciale che a quello reale… Dal mio punto di vista, essere influencer significa essere in primis me stessa, perché qualsiasi maschera prima o poi cadrebbe rivelando eventuali contraddizioni. Oltre a mettere in mostra attraverso i social i lati di me più sexy e frivoli, il ruolo dell’influencer deve appunto essere anche quello di “influenzare”le persone, non solo a fini commerciali, ma anche condividendo valori e buone azioni. Questa è la vera sfida di chi vuole influenzare gli altri…

gloria giacosa

 

  • A proposito… Da fotomodella a influencer: come inizia questo tuo percorso?

Inizia ormai 10 anni fa, a seguito di un viaggio in Kenya, dove venni notata da un fotografo famoso nel mondo dello spettacolo. Seppure non più giovanissima e non altissima, grazie ai social sono via via cresciuta di popolarità, fino a raggiungere oggi quasi 230.000 followers, persone che seguono e “sbirciano” tutto quello che faccio.

  • Che esperienza è vivere sotto i riflettori?

Molto divertente! Di solito non amo troppo attirare l’attenzione per strada nella vita di tutti i giorni. Non amo la folla, preferisco la compagnia di pochi amici. Sul set e sui social invece mi trasformo, è come se dovessi recitare ogni volta una parte. questo è molto divertente, stimolante, adrenalinico.

gloria giacosa

  • Non solo social e fotografia, Gloria Giacosa è stata anche in tv come inviata speciale in Rai Sport… e non solo!

La tv rimane l’esperienza che mi ha dato più soddisfazioni perché mi ha permesso di far emergere anche la mia cultura, superando il mero aspetto estetico. Nel 2016 ho iniziato presentando il programma dal titolo Il salotto degli imprenditori, dove questi ultimi raccontavano storie, mission e peculiarità delle loro aziende. Avere una laurea in marketing e una buona capacità di improvvisazione mi hanno aiutata. Poi è arrivata l’esperienza di Rai Sport: straordinaria!

  • Insomma, la tua avventura non conosce soste!

Io sono la testimonianza di come il caso, ma anche la personalità e la determinazione, siano fondamentali nella vita di ognuno di noi. Penso che siano ben più determinati di alcune caratteristiche oggettive legate alla bellezza per avere successo. Venivo da un paesino nell’entroterra di Savona e non ho mai avuto e voluto un agente. Anche l’empatia però è importante, l’energia positiva che ognuno di noi trasmette agli altri è uno straordinario biglietto da visita.

Image Source: Alberto Buzzanca

 

 

You may also like

Leave a Comment