Home » Capelli ricci?! Ecco il segreto!

Capelli ricci?! Ecco il segreto!

by Federica Livio
0 comment 1154 views

“Ricci, per favore!” – dall’esperienza reale quotidiana di una riccia naturale, ecco un metodo davvero innovativo di prendersi cura dei propri capelli. Sì, sto parlando proprio a te: riccia che non ti vedi mai i capelli a posto, che hai provato a lisciarli con trattamenti chimici stressanti, che non sai mai quale spazzola utilizzare, che tutti gli shampoo del reparto del supermercato li hai provati…Abbiamo una novità per te e ce la racconta Francesca: il Curly Girl Method, tecnica super innovativa diffusa soprattutto in America e scoperta qui da noi attraverso Instagram.

  • Ciao Francesca, che bei ricci! Ci racconti come hai conosciuto il Curly Girl Method?

Sinceramente sono venuta a conoscenza del Curly Girl Method un po’ per caso. Stavo cercando su Instagram delle pettinature raccolte per capelli ricci e mi sono imbattuta in un post che parlava proprio di questo metodo. Piano piano mi sono resa conto che esiste una vera e propria community di persone che se ne dedicano, principalmente donne. Purtroppo, però, è una cosa diffusa principalmente in America.
Ho dovuto ‘studiare’ parecchio per capire come funzionasse e dopo circa un mese ho deciso di iniziare. Ho trovato questo metodo molto concreto, ma al tempo stesso semplice: potevo fare tutto da sola e mi sarebbe servita solo tanta pazienza. Esattamente era il 10 giugno 2019.

  • In che cosa consiste?

Non è mai facile da spiegare. Il CGM è un metodo per prendersi cura dei capelli mossi e ricci, basato su determinate indicazioni, tecniche e prodotti che mirano ad eliminare tutti i comportamenti dannosi che assumiamo involontariamente durante la nostra routine abituale per i capelli. È stato ideato da Lorraine Massey che ha scritto il libro “curly girl: the handbook” ed è poi stato adattato nel tempo, ad oggi esistono varianti più o meno rigide del metodo. Oltre a determinati prodotti, ci sono anche dei comportamenti base da seguire. Non sono molti e sono tutte cose facili, come ad esempio non utilizzare più il classico asciugamano di spugna o in cotone, ma preferirne uno in microfibra. Ci sono poi diverse tecniche per il lavaggio, per l’applicazione dei prodotti di styling e per l’asciugatura.

  • Quali prodotti usi e come li selezioni?

Ci tengo a dire che il metodo non si basa solo sull’utilizzo di determinati prodotti, ma questa è sicuramente una componente importante. Bisogna scegliere prodotti che non contengano siliconi, solfati, alcool seccanti, oli minerali e cere. Attenzione: un prodotto Bio non è necessariamente adatto al Curly Girl Method. Vi sono prodotti più o meno accessibili: molti si possono trovare nei supermercati e nelle profumerie, ma ce ne sono tanti altri diffusi in America che da noi si trovano solamente online e sono spesso più cari.
Il passo successivo è imparare a leggere la lista INCI (degli ingredienti) sul retro del prodotto, esistono anche dei siti che aiutano a farlo. Alcuni ingredienti infatti, seppur approvati dal metodo, possono funzionare bene per una persona e al tempo stesso non dare un buon risultato su un altro tipo di capelli.

  • Quali cambiamenti hai notato e dopo quanto tempo?

Voglio essere onesta. Io sono sempre stata una riccia convinta e non ho mai ‘maltrattato’ i miei capelli con piastre o trattamenti liscianti: per questo motivo i miei capelli non erano troppo danneggiati e il mio punto di partenza era molto buono. Ho ottenuto risultati già nelle prime settimane (vedi foto 1), ma c’è da dire che per i primi due o tre mesi il capello vive la cosiddetta ‘fase di transizione’. Vengono a mancare infatti i detergenti aggressivi e tutti quei comportamenti a cui era abituato. Lo strato protettivo naturale del capello viene dunque profondamente destabilizzato ed è necessario del tempo affinché l’equilibrio venga ristabilito. Ora sono cinque mesi che seguo il CGM e sono molto soddisfatta: riesco a gestire molto meglio i miei capelli (vedi foto 2, capelli senza applicazione di prodotti) e posso lavarli anche solo una volta a settimana (vedi foto 3). I miei ricci sono decisamente più belli, lucenti ma soprattutto più sani (vedi foto 4).

  • Cosa consigli a tutte le nostre lettrici ricce?

Questo metodo non dà risultati immediati, non è una magia ma è frutto di tanta, tantissima pazienza e molti tentativi, andati spesso anche male. Ogni lavaggio mal riuscito è un’occasione d’oro per imparare, capendo cosa si ècapelli ricci sbagliato: non nego però che a volte sia frustrante, soprattutto per chi come me ama i propri capelli e li vorrebbe sempre perfetti. Bisogna però capire che questo percorso di conoscenza è lungo ma al tempo stesso molto interessante e gratificante, è importante raccogliere informazioni ed essere consapevoli di quello che si sta facendo. Consiglio di farvi molte foto per registrare tutta l’evoluzione. Nei momenti di ‘sconforto’ potrete così confrontare le vecchie foto con quelle attuali e vi assicuro che noterete sempre un miglioramento! Quando ho iniziato a giugno, ho notato che l’informazione in Italia è veramente poca. Per questo motivo dopo cinque mesi di CGM ho deciso di creare un nuovo account Instagram dove poter raccontare il mio percorso fino ad ora.
La mia intenzione non è caricare foto di capelli perfetti ed irraggiungibili, ma diffondere questo metodo ancora poco conosciuto in Italia. Desidero far capire che i capelli mossi e ricci non sono ingestibili e non bisogna per forza stirarli. Mostrerò foto e video, cercherò di dare spiegazioni semplici e proverò a descrivervi gli errori che ho fatto, amo essere trasparente. Ricordatevi che anche io ho ancora molto da imparare e credo che questo viaggio non si finisca mai. Se avete voglia di saperne di più, potete seguirmi sulla pagina Instagram ricciperfavore o sulla corrispondente pagina Facebook Ricci, per favore!. Perché questo nome? Perché alla domanda ‘Come li desidera?’ io risponderei sempre senza esitazione “Ricci, per favore!” Munitevi di pazienza e provateci anche voi, non ve ne pentirete!

Grazie Francesca e complimenti!
Speriamo che la tua intervista sia un incentivo per tutte le ricce ad oggi insoddisfatte dei propri capelli!

You may also like

Leave a Comment