Home » La camicia legata in vita, un vero grande classico

La camicia legata in vita, un vero grande classico

by Opinion Leader
0 comment 95 views

Con il prorompente revival dei seventies, volevate non rifacesse capolino l’ombelico sotto le camicie annodate?!
Sinonimo di eleganza durante il tempo libero, la camicia annodata in vita torna questa estate come must. Le versioni sono davvero infinite: dalla t-shirt, legata sui fianchi per giocare a beach volley, alla tenuta raffinatissima con una gonna a ruota e una blusa stretta in vita.
Ma attenzione, è vero, concentra l’attenzione sul punto vita, ma non è solo per le magrissime, infatti esagerando nel fare il nodo nasconde un pò di pancetta. Inoltre, scegliamo il modelli più adatti a noi e alla nostra età: se siamo giovanissime potremo optare per modelli corti, o magari con stampe colorate; ma se non siamo più nella fase adolescenziale, scegliamocamicia legata in vita modelli che lascino poco in vista e che cadano morbidi, magari facendo particolare attenzione ai tessuti. Inutile dirlo, con gli shorts o i jeans, le camicie annodate sono semplicemente perfette, soprattutto se si ha il fisico adatto per valorizzare questa combo. Evitare, però, i tacchi alti, soprattutto per chi non è più giovanissima: va bene come abbinamento casual, ma non troppo studiato. Perfetta sia con le versioni longuette che con quelle midi ampie, tanto di moda negli ultimi anni. Meglio in questo caso optare per modelli a vita alta e camicie, in questo caso, un po’ più corte e avvitate per valorizzare la forma della silhouette. D’obbligo un po’ di tacco per slanciarsi. Sui pantaloni a sigaretta, magari nei colori del bianco, blu o rosso, particolarmente estivi, la camicia annodata in vita aggiuge ad un outfit classico, quel tocco glamour in più che fa la differenza. Un look semplice da impreziosire con gli accessori giusti: collane vistose, magari etniche o decorate con pietre rosse o turchesi, ma anche orecchini particolari, per dare luce al viso, da portare preferibilmente con i capelli legati.

Image Source: shutterstock.com

You may also like

Leave a Comment