Home » Eileen: la rivincita di una ragazza come tante

Eileen: la rivincita di una ragazza come tante

by Diletta Cecchin
0 comment 118 views
Eileen

Ottessa Moshfegh

«Sembravo una di quelle ragazze che vi aspettereste di vedere sull’autobus di una città, immersa in qualche vecchio libro di piante o di geografia preso dalla biblioteca, e con i capelli castano chiaro magari avvolti in una retina. Potevo essere una che studia da infermiera o una dattilografa. Non avevo nulla di speciale». Così Eileen descrive se stessa, nel romanzo di Ottessa Moshfegh, edito in Italia da Mondadori, e intitolato con il nome della stessa protagonista, Eileen.
Eileen un nome comune per una ragazza come tante, con un lavoro come tanti e in una città come altre, chiamata dall’autrice x-Ville proprio per sottolineare la sua ordinarietà. Siamo nel 1964, le ragazze scoprono le minigonne e il rock ‘n roll, ma Eileen veste gli abiti logori della madre morta. Vive con il padre, un ex poliziotto alcolizzato che sfrutta la figlia confondendola con una badante. Lavora in un riformatorio giovanile, dove i ragazzi e i bambini (il detenuto più piccolo ha 9 anni), più che riformati e rieducati, vengono condannati al loro destino. Ma scavando sotto all’apparenza Eileen non è così insignificante, sottomessa alle regole sociali. In realtà dentro di lei sta covando una furia, alimentata dal progetto di fuggire a New York, che esploderà quando nella sua vita entrerà Rebecca: stupenda, seducente, tentatrice. L’amica che Eileen non ha mai avuto.
EileenIn questo romanzo ritroviamo tutti i difetti della provincia americana degli anni Sessanta, e in parte presenti ancora oggi: la criminalità, l’alcolismo, la diffusione delle armi. Inoltre è un inno alle acque chete: quelle persone che da tutti vengono considerate tranquille, accomodanti, “normali”, ma che, di punto in bianco, quasi fosse un urlo di liberazione, cambiano, manifestando la loro vera personalità. Alcuni lettori hanno rivisto nella protagonista una Bridget Jones dei decenni passati, ma secondo me è riduttivo: Eileen non è una semplice sfigata che sogna l’amore, è una ragazza che vive un profondo disagio causato da un ambiente sociale malato.
Un romanzo di formazione, che ti trascina all’interno della storia, grazie alla narrazione in prima persona. Eileen è la prima opera di Ottessa Moshfegh e ha riscosso critiche positive nei paesi anglosassoni, ma in Italia sta passando un po’ di soppiatto. Una lettura alternativa per chi ama uscire dagli schemi.

Image Source: sito Mondadori

You may also like

Leave a Comment