Home » Billy Milligan: un uomo, 24 personalità

Billy Milligan: un uomo, 24 personalità

by Diletta Cecchin
51 views

La parete mi rideva in faccia. Odio quel muro. Fanculo il muro. Vuole venire sempre più vicino e ridere sempre più forte. Il sudore che mi colava dalla fronte mi bruciava gli occhi ma io lottavo per tenerli aperti. Devo tenere d’occhio quel muro, altrimenti quel muro, con la sua risata sguaiata, mi verrà addosso, mi invaderà, mi schiaccerà.

Questo inferno è nella mente di Billy Milligan, protagonista del romanzo Una stanza piena di gente, di Daniel Keyes, pubblicato da Nord Edizioni.

Una stanza piena di gente

Si tratta di un romanzo scritto nel 1982 e pubblicato per la prima volta in Italia nel 2009. Una stanza piena di gente racconta la storia vera di Billy Milligan, primo criminale americano, accusato di rapina e stupro, prosciolto per questi reati perché gli è stata riconosciuta una diagnosi di disturbo dissociativo dell’identità. Un libro che ha ormai quarant’anni, ma che è ritornato in auge grazie alla docuserie Netflix intitolata I 24 volti di Billy Milligan, che vi consiglio di vedere, ovviamente, dopo aver letto il romanzo.

Una stanza piena di gente

Seguendo i più noti esempi di Truman Capote con A sangue freddo o di Meyer Levin con Compulsion, anche Daniel Keyes ha scritto un libro a metà strada tra il saggio e il romanzo. Pagine che ripercorrono il processo, la diagnosi, le cure e l’infanzia di Milligan. Il 27 ottobre 1977 la polizia arresta Billy accusandolo di aver rapito, violentato e rapinato tre studentesse universitarie. Tutte le prove portano all’accusato, che tra l’altro ha anche vari precedenti penali. Eppure, si capisce che qualcosa non torna, e durante la prima perizia psichiatrica emerge una verità sconcertante: dentro Billy vivono più persone, ognuna con un nome, delle caratteristiche fisiche, delle propensioni individuali. Billy soffre di disturbo dissociativo della personalità. Inizialmente emergono 10 individui. Arthur, gelido ventiduenne in grado di parlare e scrive arabo. Ragen, ventritenne jugoslavo esperto di autodifesa e armi. Christen, bambina di tre anni molto sensibile. Poi ci sono Danny, Allena, Tommy, David, Adalana, Christopher.

 

Una stanza piena di gente

A causa di questo disturbo, Billy Milligan non può rispondere delle azioni commesse, e viene quindi prosciolto e indirizzato prima presso un ospedale psichiatrico e poi in un carcere per malati mentali. La vicenda narrata in Una stanza piena di gente ha fatto la storia della medicina psichiatrica e della giurisprudenza statunitense. Una storia complicata, intricata in appelli e contro appelli, avvocati, medici, giudici, che mette alla prova il lettore, ricompensandolo con un libro unico e sconcertante.

Image Source: Nord Edizioni – Shutterstock

You may also like

Leave a Comment