Home » ECORISPARMIARE: essere sostenibili con uno sguardo attento al portafoglio

ECORISPARMIARE: essere sostenibili con uno sguardo attento al portafoglio

by Federica Livio
49 views

Chi mi legge da un po’ sa che ultimamente presto molta attenzione alle tematiche di sostenibilità ambientale. Nel corso delle interviste e dei pezzi, vi ho presentato diverse persone e svariati brand che hanno modificato positivamente il loro approccio nei confronti del nostro Pianeta; oggi vorrei farvi conoscere Loredana, autrice e fondatrice del blog Ecorisparmiare, che ci insegna COME diventare maggiormente consapevoli, sostenibili e rispettosi nei confronti della Natura.

sostenibili

  • Ciao Loredana, ci rendiamo conto quotidianamente come il Pianeta abbia bisogno di maggior attenzione da parte nostra. Qual è stato il tuo percorso per raggiungere questa consapevolezza?

Ciao Federica, ho sempre amato la natura e i suoi abitanti, ma capito il vero valore dell’ecologia all’università quando alcuni problemi di salute e le iniziative del mio ateneo mi hanno spinta ad informarmi sul tema. Ho iniziato a cercare risposte circa il mio impatto ambientale, ma ognuna di queste portava a nuove domande. Così ho aperto Ecorisparmiare, il blog dove racconto il mio percorso e cerco di aiutare chi, come me, si trova ad affrontare le piccole sfide del quotidiano con un occhio di riguardo per la Natura e anche per il portafoglio. La consapevolezza di quanto sia urgente un’inversione di rotta è aumentata sempre più, fino a farmi addirittura (scoop alert!) cambiare lavoro qualche mese fa: come copywriter e content creator ero stanca di spingere le persone a comprare i prodotti dei marchi più inquinanti del Pianeta. Così mi sono messa in proprio ed ora collaboro con aziende di cui condivido i valori, è più difficile ma anche più gratificante.

sostenibili

  • Come si può ridurre il proprio impatto ambientale e diventare sostenibili nei gesti di tutti i giorni?

Sicuramente avrai già sentito parlare delle R dell’ecologia: Riduci, Riusa, Ricicla, Rigenera e Recupera. Queste parole sono davvero magiche nella nostra vita di ogni giorno: tenendole a mente impareremo a riconoscere e limitare i nostri sprechi. Per esempio, una cosa che faccio sempre quando sento di voler comprare qualcosa di nuovo è chiedermi “mi serve davvero?”, “ho già qualcosa che potrebbe avere la stessa funzione?”, “posso chiedere questo oggetto in prestito a qualcuno?”, “lo posso creare io?” e così via. Un altro trucchetto è aspettare un po’ prima di acquistare: siamo abituati ad avere sempre risposta immediata ai nostri bisogni, tanto che ci sembrano tutti urgentissimi. Invece, spesso, sono solo frutto di condizionamenti esterni e l’attesa ci fa capire che non abbiamo davvero bisogno di quell’oggetto. Altri consigli li puoi trovare quasi tutti i giorni sul mio profilo Instagram!

sostenibili

  • Il web, soprattutto in questo periodo, è pieno di nozioni sul tema della sostenibilità, alcune corrette, ma molte altre no. Quali fonti di informazione sono attendibili?

C’è molta confusione sul concetto di “fonte” d’informazione e sulla validità di una fonte. Un quotidiano, una rivista, una testata online, un blog, Wikipedia, Ansa, associazioni che tutelano l’ambiente… nessuna di queste è una fonte. La fonte è la ricerca scientifica che ha raccolto e analizzato dei dati, sulla base di esperimenti eseguiti con un metodo controllabile e riproducibile. Solo quando una ricerca è confermata dalla maggioranza degli scienziati di un settore possiamo parlare di una fonte attendibile. Tutti i mezzi di comunicazione servono solo a diffondere le informazioni contenute nella fonte e, purtroppo, spesso non lo fanno neanche bene. Per questo consiglio sempre di seguire più canali di informazione, soprattutto quelli ufficiali come i ministeri (Ministero della Salute, Ministero dell’Ambiente, MITE, e così via), centri di ricerca indipendenti, università e qualche rivista scientifica e di settore.
Spesso nei miei post sul blog allego gli studi e le ricerche sull’argomento di cui parlo.

sostenibili

  • Per persone attente ai trend e alla moda, come le nostre lettrici, sapresti dare qualche consiglio di acquisto fashion che però sia anche green?

Il mio primo consiglio per gli acquisti è sempre evitare l’acquisto e fare prima “shopping nell’armadio”, spesso ci dimentichiamo di avere già quel che cerchiamo. Quando serve davvero, però, ci si può lanciare a capofitto nei mercatini o sulle app di usato. Si trova di tutto e si fanno ottimi affari: oltre a tutelare l’ambiente si risparmia anche qualche soldino. Inoltre, consiglio di fare una consulenza d’immagine: scoprire i colori, le forme e i materiali che ci donano di più serve a trovare il nostro stile e selezionare solo capi che ameremo e useremo all’infinito.

sostenibili

  • Mai più con e mai più senza?

Continuando a parlare di moda, io direi…

Mai più con:

  • Armadi che esplodono di vestiti che non mettiamo mai;
  • Capi di abbigliamento nuovi con meno del 90% di materiali naturali;
  • Siti di fast fashion e newsletter di “sconti e promozioni”;
  • Scarpe costose e scomode che non mettiamo mai.

Mai più senza: 

  • Materiali naturali come cotone, lana, lino, bambù, canapa, cocco, iuta, ramiè, soia…;
  • Il kit di cucito e rasalana per riparare e mantenere gli abiti che amiamo;
  • Un’amica della nostra taglia con cui scambiarsi i vestiti;
  • Il metro da sarta per verificare le misure prima di acquistare usato!

Grazie Loredana, ho personalmente trovato i tuoi spunti molto utili e mi piacerebbe approfondire. A tutte voi, invece, lancio una sfida: provate a creare qualcosa per voi stesse da sole, senza acquistarlo, il prossimo mese. Potrebbe essere una piacevole scoperta delle vostre abilità, ma anche qualcosa di molto divertente!

You may also like

Leave a Comment